Genitori e figli

Genitori e figli, due mondi che a volte si incontrano e che spesso si scontrano, soprattutto nel periodo dell’adolescenza, quando i figli cercano di affermare se stessi al di fuori della famiglia e i genitori non sempre sono preparati a riconoscere che i figli stanno crescendo e non sempre lo fanno nel modo che loro avrebbero desiderato.

Essere genitore vuol dire essere continuamente alla ricerca di un punto di equilibrio tra noi e i figli. L’equilibrio tra prenderci cura di loro senza smettere di pensare a noi; tra dare regole e al tempo stesso dare fiducia; tra lasciarli liberi di scegliere e renderli consapevoli delle possibili conseguenze di ogni scelta che faranno.

Il rischio di essere troppo presenti, fino a sostituirci continuamente a loro, o di essere troppo permissivi o troppo autoritari è continuamente in agguato e non dipende soltanto dalla troppa o poca responsabilità con cui assolviamo il ruolo di genitori.

Dipende anche e soprattutto da cosa significa per noi essere genitori e da quali aspettative abbiamo rispetto ai figli. Da quanto siamo capaci di considerarli persone autonome rispetto a noi, con la loro personalità, i loro sogni, i loro ideali, e quanto invece li viviamo come una parte di noi, a cui chiediamo di soddisfare i nostri sogni e di vivere secondo i nostri ideali.

Come facciamo a sapere che tipo di genitori siamo? Imparando ad ascoltare noi stessi, le nostre emozioni, il nostro dialogo interno ogni volta che ci troviamo davanti al loro modo di essere figli.

Perché non ci piace come si stanno comportando? Cosa vorremmo da loro? E da cosa nasce il nostro desiderio o bisogno? Cosa temiamo possa accadere se non veniamo ascoltati, se perdiamo il controllo sulla loro vita?

Controllare per educare o educare per non dover controllare? Rendere autonomi e dare fiducia avendoli resi consapevoli o rimandare il momento dell’autonomia per paura che non la sappiano gestire in modo responsabile?

E come si può rendere autonomo un figlio e al tempo stesso evitare che faccia scelte che potrebbero avere conseguenze pesanti?

Genitori e figli è lo spazio dedicato al confronto sul ruolo di genitore e anche a quello di figlio, perché anche essere figli può non essere sempre facile.

Essere madre

Essere madre senza smettere di essere donna

Segui sempre le 3 “R”: Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni.
[Dalai Lama]

Sono diventata madre per la prima volta a 32 anni e per la seconda a 35. A quasi 54 anni, con un figlio che ha compiuto da poco 18 anni e una figlia che ne ha quasi 22, parafrasando una famosissima canzone di Fiorella Mannoia, posso dire la mia sull’essere madre senza smettere di essere donna e senza rinunciare all’affermazione sul lavoro.Leggi tutto »Essere madre senza smettere di essere donna

Aiuto, mio figlio è gay!

Aiuto, mio figlio è gay!

“Dona a chi ami ali per volare, radici per tornare e motivi per rimanere.”
[Dalai Lama]

Un giorno tuo figlio ti confessa di essere gay e il solo pensiero che la tua mente riesce a formulare è “Aiuto, mio figlio è gay!”.

Ma perché la prima reazione che abbiamo davanti ad una verità a cui non siamo preparati è il rifiuto? Perché la nostra società e la nostra cultura tendono a rimuovere tutto ciò che è considerato diverso o negativo. Così cresciamo nell’illusione che esista solo la cosiddetta normalità. È normale essere etero, essere bianchi, essere belli, essere sani.Leggi tutto »Aiuto, mio figlio è gay!